Le società bolognesi in vetrina nel Bologna Cycling Festival 2018

Il Bologna Cycling Festival, la festa de ciclismo bolognese, è andata al di la di tutte le aspettative, la vasta sala dell’impianto gestito dalla Proloco di Anzola dell’Emilia era strapiena; almeno quattrocentocinquanta le persone presenti, speaker della giornata Cesare Natali e Gianluca Giardini entrambi in grande spolvero.

Un successo forse inatteso a questi livelli per una manifestazione preparata con un impegno non da poco dal presidente provinciale Stefano Marabini e dai componenti del comitato Matteo Baldissarri, Mirco Grossi, Fabio Sgarzi, Simona Valentini e dai collaboratori Franco Chini e Giuseppe Guarniero.

Un successo ben visibile nel sorriso dei tanti giovanissimi, femmine e maschi, che sono saliti sul palco per ricevere un riconoscimento dal Comitato Provinciale; una premiazione fiume, un interno pomeriggio a stringere mani, a festeggiare gli atleti, a consegnare premi alle Società.

Nel suo saluto il presidente provinciale ha dato i numeri, 30 sodalizi affiliati con 1.190 tesserati nel 2016, 31 affiliati con 1.269 tesserati nel 2017 con un significativo + 9% di tutto rilievo.

Quest’anno poi, alla già lunga lista di società che pone la provincia ai vertici regionali, si sono aggiunte già nel primo mese, altri 5 sodalizi, affiliati per fare un ciclismo a tutto tondo; su strada e su pista, ciclocross e fuoristrada, specialità downhill, cross country, gran fondo, enduro e marathon.

Fiore all’occhiello di questo 2017 che va in archivio, la ripresa di una corsa cessata da tempo, la crono individuale in salita Bologna San Luca, che ha allineato alla partenza ben 180 delle diverse categorie, dagli amatori agli agonisti. Una crono che si è giovata della collaborazione delle Società Bolognesi, ben 46 persone a proteggere la sicurezza della “gara più corta del mondo” oltre ad un altrettanto guarnito servizio di moto staffette e scorte tecniche.

Anche l’allestimento di due challenge, le Bologna Cycling Cup. 2017 per esordienti ed allievi. Quest’ultima suddivisa in Sprinter e Runner, è risultato essere un grande impegno organizzativo e mediatico per la far conoscere, per valorizzare i corridori e le società della nostra provincia e non solo.

Ne è valsa la pena tant’è che le challenges saranno riproposte anche quest’anno.

La riproduzione in bronzo, realizzata in tiratura numerata ed in esclusiva per l’occasione, del Nettuno per i vincitori dei challeges, l’esordiente 1° anno Mirco Benesciutti (Santa Maria Codifiume), l’esordiente 2° anno Nicolò Costa Pelliciari (Davoli Bagnolese Gattatico), l’allievo 1° anno Marco Vatolo (Simec Fanton Paletti) e l’allievo 2° anno Tommaso Gozzi (Santa Maria Codifiume). Una vera opera d’arte che farà bella mostra di se nelle dimore dei vincitori

Premiate con un significativo contributo le Società vincitrici nei challenge; la S.C. Gastone Nencini Barberino del Mugello per la categoria esordienti e la Simec Fanton – Cicli Paletti per gli allievi.

E poi, a seguire, una sfilata ininterrotta di maglie biancorossoblu dei campioni provinciali inframezzate qua e là dalle maglie giallorosse di campione regionale.

Significativa la premiazione della ventesima edizione del Memorial Paolo Benfenati per società giovanissimi che ricorda l’impegno di un dirigente provinciale responsabile del settore giovanile, memorial che che visto ha visto primeggiare la G: Bonzagni Matteo della Decima davanti alla Pol. Molinella, U.P. Calderara STM, U.S. Calcara e Ceretolese 1969.

Presenti il vice presidente della federciclismo regionale Alberto Braghetta, il delegato provinciale del CONI Bolognese Stefano Galletti, e il presidente provinciale modenese Ercole Morselli.

Pomeriggio concluso con la presentazione delle società ciclistiche bolognesi per la prossima stagione, una carrellata di gioventù, di colori, di nuovi e rinnovati entusiasmi, di grandi intendimenti e di forti ambizioni.

E così, con le Società che sono la storia e la linfa del Comitato Provinciale Bolognese hanno presentato quadri, organici e progetti anche le nuove cinque Società del 2018. Tra queste, novità assoluta, a colmare un vuoto immeritato, la nuova formazione Under23, la Biotraining Cycling Team – Hicari fortemente voluta da Matteo Pesci e diretta da Claudio Strazzari.

Impegni del futuro prossimo, un inedito invito al Comitato Provinciale da parte del Comune di Bologna al tavolo della mobilità per conoscere le necessità e le aspettative del mondo ciclistico e, nella serata del prossimo 15 febbraio, una iniziativa ideata, voluta e predisposta dal Comitato Provinciale; una tavola rotonda che vedrà tutti i responsabili della sicurezza e del soccorso nelle manifestazioni sportive (Direttori di Corsa, medici, addetti alle ambulanze) a confronto per una analisi alla ricerca della migliore modalità di intervento per un soccorso efficace nella salvaguardia degli infortunati e degli operatori.

C’è il bisogno di crescere ancora, di avere il coraggio per esprimere idee nuove, dare ulteriori contenuti all’attività del comitato in un territorio che ha ancora vocazione ciclistica.

“Sarà una lunga e faticosa stagione quella che andiamo ad intraprendere ma non vogliamo lasciare nulla di intentato. Di progetti ne abbiamo anche qualcuno nel cassetto; andremo nei prossimi giorni alla verifica circa l’effettiva fattibilità, e non è detto che non siano all’altezza di quelle già famose”.

 

 

 

 Giampaolo Balotta