Alessandro Fedeli è il re dell’Edil C

da Ufficio Stampa GS Virtus Collecchio.
Colpo da maestro per il ventiduenne veronese Alessandro Fedeli della Trevigiani che con un attacco
a 2 km dall’arrivo sbaraglia gli avversari e giunge da solo a braccia alzate sul traguardo del 22°
Trofeo Edil C, gara internazionale per under 23 organizzata a Collecchio (Parma) dal G.S. Virtus
Collecchio. A completare un podio di grande prestigio ci hanno pensato il campione nazionale
marocchino Zahiri Abderrahim, compagno di squadra del vincitore, e il francese Robin Meyer
dell’Avc Aix en Provence.
La corsa, con al via 145 ciclisti suddivisi in 30 squadre, è caratterizzata da una lunga fuga iniziale
che tiene banco dal primo all’ottavo giro. Protagonisti sono Alex Ponti, Thomas Calzaferri e
Federico Rosati. I tre, di comune accordo, riescono a guadagnare fino a 1’40” da un gruppo guidato
soprattutto dalla Cremonese e dalla Zappi. Quando la gara entra nel vivo con l’inserimento, nelle
ultime quattro tornate, della salita di Segalara (dove è posto il Gran Premio della Montagna), il
terzetto si sfalda e davanti rimane solo Rosati, che resiste fino al terzultimo giro.
Durante le ultime due tornate, e in particolare sull’ultima ascesa a Segalara, parte l’azione decisiva.
A 500 metri dalla vetta sono in testa Robin Meyer, Sebastian Castano Munoz e Alessandro Fedeli
(già protagonista nel giro precedente di una fuga a dieci con, tra gli altri, il vincitore dell’Edil C
2017 Marco Negrente). Il terzetto fa grande selezione, ma su loro si riporta Abderrahim. Potendo
ora contare anche sull’aiuto del compagno di squadra in funzione di stopper, Fedeli tenta la
soluzione di forza. Sotto lo striscione d’arrivo arriva solitario con soli 3″ di vantaggio, ma bastano
per festeggiare una delle sue più belle vittorie. Dietro di lui, i suoi ex compagni di fuga si giocano la
piazza d’onore in uno sprint a tre che vede primeggiare proprio Abderrahim.
«Insieme al successo al Valle d’Aosta – ha detto Fedeli subito dopo l’arrivo -, questa è la mia vittoria
più importante. Stavo bene e ho attaccato al momento giusto. Vincere oggi, in una delle gare più
rilevanti della stagione, è un grande risultato». All’altro protagonista del Trofeo Edil C, Federico
Rosati, rimane la soddisfazione di aggiudicarsi la speciale classifica del Gran Premio della
Montagna.