Michele Scarponi: continuano i lavori per la scultura a Pietra di Canossa

I genitori di Michele Scarponi, il ciclista scomparso il 22 Aprile 2017 in un incidente stradale durante un allenamento a Filottrano, hanno fatto oggi visita alla Scuola di Scultura su Pietra di Canossa, dove un gruppo di artisti locali stanno realizzando il monumento dedicato al grande scalatore che proprio un anno fa ad Innsbruck durante il Tour of The Alps vinse la sua ultima corsa in salita e che l’anno prima, come gregario, risultò determinante al trionfo di Vincenzo Nibali al Giro d’Italia.

Il grande monumento (2 metri in altezza) dedicato a Scarponi sarà inaugurato in occasione della prossima Granfondo Terre di Lambrusco e Parmigiano Reggiano di Montagna e troverà dimora all’arrivo della “Salita del Sorriso Michele Scarponi” in prossimità del Castello di Canossa. La salita è stata identificata dagli organizzatori dell’evento e gradita ai famigliari come ideale banco di prova per la formazione di giovani scalatori ed a tale scopo, oltre che cronoscalata per cicloturisti, il prossimo 10 giugno la salita fra Ciano e Canossa sarà anche il tratto finale di una gara regionale per Allievi. Fra i sogni di Michele Scarponi c’era infatti quello di avvicinare i giovani al ciclismo ed in particolare di trasferire loro la passione per scalare montagne e superare difficoltà.

Il progetto era stato presentato da ASD Cooperatori e Comune di Canossa lo scorso 6 novembre all’Aula Magna dell’Università di Reggio alla presenza del CT della nazionale Davide Cassani e di tanti personaggi del mondo del ciclismo professionistico. Gli scultori di “Canossa Stone” contano di finire l’opera per il 31 Maggio p.v.

Oggi i genitori hanno accolto con stupore la grande passione con la quale tanti scultori si stanno adoperando alla realizzazione della scultura ed hanno apprezzato lineamenti e particolari del volto di Michele già in questa prima fase di lavorazione, suggerendo ulteriori particolari agli artisti. Per la famiglia Scarponi la salita a Canossa è stata anche occasione di visita ai Castelli Matildici ed alla Torre di Rossenella accompagnati dall’Assessore allo Sport di Canossa Luigi Bellavia. Hanno accolto i signori Scarponi (mamma Flavia e papà Giacomo) alla Scuola di Scultura, attrezza alla mano, gli artisti Carlo Veronesi, Paolo Soragni e Michele Sassi, il Presidente della ASD Cooperatori Valentino Iotti e Franco Castagnetti.