Giornata piena al CRER il 24 novembre

Al mattino si è svolta una riunione  del Consiglio regionale con le società della regione e con il presidente  Giorgio Dattaro che– afferma –  “si rileva una lieve flessione dei tesserati, i nostri sodalizi faticano così come le aziende e gli sponsor,  ma continuiamo a fare corsi di formazione e di aggiornamento, nonché  a partecipare  con rappresentative regionali a competizioni agonistiche, siamo soddisfatti della nostra attività su pista ma anche in quella su strada ci sono eccellenze”.

Nel pomeriggio festa!  Quella delle “Stelle dell’Emilia Romagna” ha la qualità propria, principale del ciclismo, la resistenza. È infatti già giunta alla decima edizione e… piace ancora!  La sala Convegni del Coni di Bologna era strapiena. Presenti le Stelle di oggi, i campioni iridati e tricolori, che i sodalizi emiliano romagnoli continuano ad esprimere e attorno ai quali si è articolata la festa, ma anche stelle del passato rappresentate, nell’occasione, dal tandem iridato di cinquant’anni fa Walter Gorini e Giordano Turrini. Tra il pubblico anche i Giovanissimi classificatosi primi nei Meeting Regionali su Strada e Fuoristrada con le loro medaglie al collo. A loro è rivolto l’invito del Presidente Dattaro a “ritornare a casa con il ricordo di questo pomeriggio perché gli esempi positivi sono anche una buona scuola di vita”. A loro, gli atleti del futuro prossimo, la Consigliera del comune di Bologna Roberta Li Calzi, più che soddisfatta perché la città sarà sede della partenza del prossimo Giro D’Italia professionisti, ha rivolto parole belle perché “lo sport deve essere prima di tutto uno strumento di educazione e formazione”. Il Presidente regionale del CONI Umberto Suprani, con un passato di “lavagna motociclistica”, ha rivolto nel suo saluto raccomandazioni a garantire sempre più la sicurezza nelle gare stradali. Argomento, questo, ripreso dal Comandante delle scorte motociclistiche della Polstrada Eugenio Amorosa. La Federciclismo era rappresentata dal Consigliere Nazionale Bruno Battistella e dalla Vicepresidente Daniela Isetti, da entrambi parole di apprezzamento per una regione che sa esprimere valori importanti sia organizzativi che agonistici. In prima fila alcuni ospiti d’onore, a cominciare dal Presidente del GS Emilia Adriano Amici che ha annunciato le tradizionali corse in regioni alle quali si sono aggiunte prestigiose ciliegine, i Campionati Italiani strada e crono a fine giugno per professionisti e poi il DS reggiano Roberto Reverberi della Bardiani, un sodalizio professionale con soli corridori italiani. Presente anche il titolare della   Sidermec  Giuseppe Buda detto Pino, uno sponsor amico del ciclismo che sostiene le parole con i fatti. Fra i tanti riconoscimenti quello a Teleromagna per l’attenzione rivolta al ciclismo, un premio alla carriera ad Alan Marangoni, dodici anni da professionista e una sola vittoria proprio nell’ultima gara, la sfilata delle campionesse e dei  campioni, una bella gioventù, a partire da Silvia Zanardi (due titoli iridati) e poi Sofia Collinelli, Ernesto Pedroni, Maria Cristina Prati e la squadra Meo Venturelli. Protagoniste anche le ragazze nelle prove di Campionato italiano: Alessia Patuelli, Giulia Affaticati, Carlotta Cipressi, Silvia Bortolotti, Matilde Beltrami, Gaia Bolognesi oltre a Luca Gambarelli e Fabrizio Dragoni con tanti applausi per loro. Riconoscimenti al giudice Patrizia Fregni, al direttore di corsa Eros Tarozzi (alla memoria). A Massimo Squadrani è stato assegnato il premio per  il “memorial Gianni Sinoppi” mentre alle società Pedale Azzurro, Sc Faentina e Pol. Fiumicinese sono stati riconosciuti i risultati ottenuti nei Meeting Regionali Giovanissimi.

Gianpaolo Balotta